Staffettone da Record, il 30 gennaio la piscina comunale ospiterà l’evento dedicato ai caduti di Brema

0 di Jessica Mastroianni

Dopo il grande successo del Super Collegiale di Pallanuoto, che si è tenuto all’interno della piscina comunale “Salvatore Giudice” di Lamezia Terme domenica 23 gennaio, la Arvalia Nuoto Lamezia ha deciso di lanciare subito un’altra avvincente sfida: uno Staffettone da Record.

Era il 28 gennaio 1966 quando il mondo natatorio e non solo fu sconvolto dalla tragedia aerea di Brema. Ben 46 le vittime dell’incidente, durante il quale persero la vita anche 7 atleti, il loro allenatore e un telecronista Rai.

Avrebbe dovuto prendere quello stesso aereo anche Massimo Borracci, giovane talento toscano, all’epoca 21enne, che per una fatalità del destino decise di non partire.

L’anno successivo, durante l’evento commemorativo dedicato ai caduti, proprio Borracci ne onorò la memoria conquistando (senza i mezzi e i sostegni attuali) il record italiano nei 100 stile libero col tempo di 54’4.

A distanza di 56 anni da quella terribile tragedia, il ricordo è ancora vivo e nitido. Borracci, da giovane atleta, è diventato uno degli allenatori di punta della piscina comunale di Lamezia Terme, ha completamente dedicato la sua vita al nuoto e i suoi atleti, grazie alla passione e alla costanza con cui li segue, stanno conquistando risultati inimmaginabili.

Così, in occasione di una ricorrenza tanto importante, si è deciso di organizzare per domenica 30 gennaio uno Staffettone da Record, proprio per cercare di superare quel tempo che allora conquistò mister Borracci: una sfida lanciata dalla Arvalia Nuoto Lamezia a tutta la comunità cittadina, uomini e donne, atleti e dilettanti di ogni età, che potranno godersi una mattinata di sano sport all’insegna del divertimento e della massima sicurezza.

L’evento è completamente gratuito: per partecipare basterà inoltrare la propria adesione in segreteria, contattando il numero 0968.434832 (attivo anche su whatsapp).